Progetto “Sicurezza in montagna” – Canale 8-16

Share

Sempre più gente si sta spingendo a fare trekking o escursioni in montagna. Questo è molto bello perchè sta finalmente spingendo le persone a uscire in mezzo alla natura. Ma come possiamo fare escursioni in modo sicuro?
Ci sono vari cose da prestare attenzione per essere in sicurezza, dall’attrezzatura che portiamo con noi, al spingerci a fare cose che sono sulle nostre corde e non far cose per persone con più esperienza; avere una buona formazione di cosa facciamo, saper consultare cartine e tante altre cose. Un’altro metodo che ci da sicurezza in caso di problemi o necessità è quello di avere con noi uno strumento di comunicazione. Ovviamente pochissimi lasciano a casa il cellulare quando vanno in escursione, ma che dire se ci si trova in una zona in cui il cellulare non prende?
Ecco che “interviene” Rete Radio Montana. RRM ha infatti istituito un progetto molto interessante, che da escursionista appassionato condivido appieno. Il progetto di RRM è il seguente:

Essenzialmente il progetto Rete Radio Montana ha lo scopo di incrementare la sicurezza in montagna per mezzo delle comunicazioni radio, attraverso il libero scambio di informazioni. Attraverso varie forme di diffusione (internet, stampa, associazioni di settore, etc.) è in atto una campagna informativa che ha per scopo la sensibilizzazione di coloro che già praticano attività in montagna o in aree boschive, per l’utilizzo di apparati radio rice-trasmittenti di libero uso. Questi apparati sono denominati PMR-446 e sono sintonizzabili su vari canali.

FREQUENZE RADIO
Per convenzione e a livello nazionale è stato stabilito l’uso di un canale unico per tutto il territorio nazionale, da noi denominato CANALE 8-16 (canale 8 + codice CTCSS 16). Tale canale corrisponde alla frequenza radio 446.09375 MHz con applicazione del tono subaudio (CTCSS) 114.8 Hz. Per chi è in possesso di apparati PMR-446 programmabili, il CTCSS va impostato sia in TX (trasmissione) che in RX (ricezione).

La funzionalità della Rete Radio Montana, ovvero la sua efficienza, è direttamente proporzionale al numero di apparati (nodi) sintonizzati contemporaneamente sul CANALE 8-16 in un’area geograficamente ristretta.

Sono state stabilite delle frequenze radio secondarie, da utilizzare eventualmente in aggiunta all’8-16, quali:

Per i soli radioamatori (in possesso della patente e relativo nominativo ministeriale): 145.250 MHz
Per i possessori di apparati CB (27 MHz): Canale 16 FM

IMPIEGHI
L’8-16 andrà utilizzato per l’interscambio di informazioni operative utili alla sicurezza, atte a prevenire situazioni di emergenza in montagna, quali:

Condizioni meteorologiche o del manto nevoso
Stato di agibilità dei sentieri e delle vie ferrate
Richiesta di informazioni ai rifugi che aderiscono al progetto
Per la sicurezza nel Volo Libero (Parapendio e Deltaplano), principalmente nel caso di voli lunghi (cross) o comunque solitari.
In caso di emergenza, se il telefono cellulare non avrà segnale GSM, potrete provare a chiedere aiuto ad altri utenti della RRM, che potranno allertare telefonicamente per voi il Soccorso Alpino.

E’ in fase sperimentale ed attuabile esclusivamente con le organizzazioni di soccorso montano che cooperano con il progetto l’uso dell’8-16 come canale di comunicazione diretto tra i soccorritori e il malcapitato (smarrito o infortunato) durante le fasi di ricerca ed eventualmente soccorso, dopo l’allertamento dei soccorsi con le classiche modalità.

Per le comunicazioni private o non attinenti ai punti di cui sopra, bisognerà sintonizzarsi su un’altra frequenza radio per il tempo necessario, onde evitare l’occupazione impropria del canale.

A differenza del Canale E (161.300 MHz) attivo in Italia nella sola Regione Valle d’Aosta ed utilizzabile unicamente in caso di emergenza per l’allerta dei soccorsi, la Rete Radio Montana potrà essere impiegata – a livello nazionale – a prevenzione degli incidenti in montagna, ovvero per l’interscambio di informazioni di sicurezza (come sopra spiegato), oltre che – in alcune zone – come canale di comunicazione diretto con i soccorsi, in caso di ricerca ed eventuale soccorso. (fotografia sulla destra: il Capo Interventi nella sala operativa della REGA).

IDENTIFICATIVI RADIO
La partecipazione al progetto prevede l’assegnazione, a titolo gratuito, di un Identificativo Radio (ID). Approfondisci l’argomento.

COPERTURA RADIO
Non è possibile “disegnare” l’effettiva copertura radio della Rete Radio Montana perchè essa è variabile nel tempo, in quanto i vari nodi (utenti) della rete sono in continuo movimento sulle nostre montagne. Tuttavia, prelevando dal Sistema Informativo-Gestionale (RERAMONET) i dati georeferenziati dei collegamenti-radio effettivamente avvenuti sul CANALE 8-16 negli ultimi 30 giorni (avvenuti, pubblicati in RERAMONET e confermati da entrambe i corrispondenti), ci è stato possibile creare una mappa delle zone più attive, aggiornata in tempo reale. (Fonte ReteRadioMontana)

Per maggiori informazioni consulta https://www.reteradiomontana.it

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Inline
Inline