La nuova Yamaha R1 2015

Nuovi scatti rubati della nuova e attesa YZF-R1, la nuova ‘millona’ sportiva della casa dei tre diapason che dovrebbe debuttare nei saloni autunnali.

Manca ormai solo qualche mese all’arrivo della nuova Yamaha YZF-R1, e l’attesa si fa naturalmente sempre più febbrile. Secondo le ultime indiscrezioni, la nuova superbike di Iwata manterrà buona parte del design del modello attuale, ma la differenze a livello tecnico saranno cospicue e significative nel tentativo di lanciarla allo stesso livello delle iper-tecnologiche dominatrici del segmento – almeno in termini di prestazione pure – ovvero la BMW S1000RR, l’Aprilia RSV4 e la Ninja 1000.

L’inglese MCN ha recentemente rivelato una nuova foto spia del modello, dicendosi ormai certo che la nuova sportiva 1000 cc 4-in-linea dei tre diapason farà il suo debutto assoluto a Ottobre, al Salone Intermot di Colonia (con immancabile passerella successiva all’EICMA di Milano) per poi diventare disponibile nei concessionari nel corso del 2015.
pn14_037

Sempre secondo quanto riportato da MCN, la casa giapponese prevede di enfatizzare il branding del motore della nuova R1 battezzandolo con la sigla (già registrata) ‘CP4’, in scia al bicilindrico parallelo della MT-07, chiamato CP2, e al tricilindrico della MT-09, il CP3. Ricordiamo che l’attuale R1, a parte una serie di piccoli cambiamenti per lo più di carattere ‘estetico’, è praticamente inalterata da quasi sei anni, dal Model Year 2009.

Come più volte ricordato, Yamaha ha anche acquisito i diritti su alcune denominazioni che crediamo siano destinate proprio alla prossima R1, ovvero ‘YZF-R1M’ e ‘YZF-R1S’, un indizio che ci fa credere che saranno almeno due le versioni della moto proposte, con una dal carattere più smaccatamente ‘pistaiolo’ (nello stesso modo con cui BMW offre la versione ‘HP4’ della S1000RR e Honda quella ‘SP’ della sua CBR1000RR Fireblade). Come detto, è ormai questione di un paio di mesi…

E’ cosa risaputa che Yamaha sta lavorando da tempo sulla nuova YZF-R1 – la sua nota 1000 cc sportiva, rimasta praticamente invariata dal 2009 – e grazie ad Australian Motorcycle News siamo oggi in grado di dare una prima ‘occhiata’ al prototipo della moto, immortalato sulla pista di Eastern Creek (vicino a Sydney) ed il cui lancio è atteso per i consueti saloni di fine anno, probabilmente all’Intermot di Colonia, a Ottobre, e all’EICMA di Milano, a inizio Novembre. Secondo quanto riportato dalla pubblicazione australiana, il sound della ‘nuova R1’ è inequivocabilmente quello di un 4 cilindri, rivelazione che quindi spazza via le speculazioni secondo le quali la Superbike di Iwata avrebbe seguito il trend dei 3-cilindri recentemente abbracciato dalla casa giapponese.

Dal quel poco che si riesce ad evincere dall’unica immagine disponibile, dal punto di vista estetico la nuova R1 sembrerebbe far suoi alcuni spunti stilistici dell’attuale YZF-R6 (ma potrebbe trattarsi di una ‘camuffatura strategica’…), ma sono comunque diverse le indiscrezioni riguardo al modello che sembrerebbero aver trovato conferme negli ultimi giorni. Pare ormai certo che saranno due le varianti disponibili al lancio, una per così dire ‘standard’, maggiormente focalizzata sull’uso ‘stradale’, e l’altra più orientata all’uso in pista (il che conferma le prime ipotesi dello scorso Aprile, quando la casa giapponese registrò i due nomi ‘YZF-R1M’ e ‘YZF-R1S’).

Dato lo ‘spessore’ della casa giapponese, è lecito aspettarsi che la nuova R1 sia decisamente ‘al passo’ con lo sviluppo delle sue concorrenti, quindi con un pacchetto di controllo di trazione al’altezza e un’elettronica di primo livello. Al momento, naturalmente, non ci sono ‘numeri ufficiali’ su cui discutere, ma si parla con insistenza di una potenza attorno ai 200 CV per la versione stradale e di circa 230 CV per quella ‘pistaiola’. Yamaha vorrebbe utilizzare quest’ultima per fare il suo rientro nel Mondiale Superbike – abbandonato al termine della stagione 2011 – con una moto già molto performante in versione ‘stock’ per adeguarsi ai nuovi regolamenti della categoria, che dal 2015 si baseranno fortemente sull’attuale sub-classe EVO imponendo forti limitazioni alla ‘libertà di manovra’ delle squadre in termini di possibili modifiche alla moto di produzione.
pn14_038

Idealmente, la nuova R1 ‘pistaiola’ – che dovrebbe essere quindi chiamata YZF-R1S – andrebbe a porsi in competizione con altri modelli dall’attitudine chiaramente ‘track-oriented’ come la Honda CBR1000RR Fireblade SP, la Ducati 1199 Panigale S, la BMW S1000RR HP4 e l’eventuale evoluzione dell’Aprilia RSV4. (motoblog.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Inline
Inline