Che ADSL scegliere

Scegliere la connessione internet migliore per le proprie esigenze è un passaggio fondamentale per ottimizzare il budget famigliare: stipulare il contratto giusto consente di risparmiare fino a 400€ l’anno.

fonte facile.it

ADSL o internet mobile

Il primo aspetto da considerare nella scelta della migliore ADSL è dove vogliamo navigare. Esistono infatti diverse tipologie di connessione internet, pensate per chi naviga a casa, in mobilità oppure ovunque. Analizza le tue abitudini per scoprire la soluzione più adatta a te.

  • A casa: Scegli una connessione ADSL (o fibra ottica), o ADSL + telefono.
  • In mobilità: Una connessione dati mobile è la scelta ideale per le persone che trascorrono poco tempo in casa, in quanto sfrutta le reti dei cellulari – 3G o 4G – per offrire la connessione da utilizzare su smartphone, tablet, internet key, router Wi-Fi e laptop predisposti ad accogliere una SIM dati.
  • A casa e in mobilità: Il compromesso ideale è rappresentato dalle offerte che combinano navigazione da rete fissa e mobile: ormai tutti i principali operatori offrono una SIM dati per internet mobile, spesso a prezzo scontato o addirittura in regalo se abbinata a un abbonamento ADSL o ADSL + telefono di casa.

Solo ADSL o ADSL e telefono

Se navighi da casa, è importante capire se hai bisogno di una connessione solo ADSL o se hai necessità di combinare internet e telefono in un unico pacchetto. A seconda di quanto utilizzi il telefono, puoi scegliere tra:

  • Solo ADSL: è una soluzione indicata per chi non ha esigenza del telefono fisso o per chi vuole affiancare al canone telefonico un’offerta specifica per navigare in Internet. Viene fornita anche senza linea telefonica, tramite la tecnologia WiMAX o via satellite.
  • ADSL + telefono: è la soluzione migliore per chi vuole risparmiare con un’offerta completa, che comprende sia le telefonate che la navigazione. Necessita di una linea telefonica, e le tariffe variano in base alla copertura.

Quando confronti le offerte, valuta sempre le le promozioni che includono le chiamate, anche se sei orientato verso una connessione solo ADSL. Con un prezzo di 25 euro circa, infatti, puoi trovare pacchetti che comprendano anche le telefonate, riuscendo persino a risparmiare sulla tariffa ADSL senza telefono.

Inoltre, scegliendo lo stesso operatore per la telefonia fissa e mobile puoi beneficiare di offerte dedicate che, con un costo che oscilla tra i 30 e i 40 euro, ti consentono di risparmiare e gestire più agevolmente tutte le tue linee telefoniche.

Abbonamento o tariffa a consumo

Prendi in esame le tue abitudini di consumo: sei un consumatore abituale o saltuario? Quante ore passi davanti al PC o al telefono? Navighi con continuità o in precise fasce orarie (ad esempio dopo le 20.00 o nel weekend)? Le risposte a queste domande ti permetteranno di capire se ti conviene attivare una tariffa a canone fisso oppure a consumo.

  • Abbonamento: è la scelta ideale per chi naviga molto, nel tempo libero o per lavoro, e utilizza spesso il telefono. Avere un canone fisso per l’ADSL (o per ADSL + telefono) consente di “dormire sonni tranquilli” e di essere sempre sicuri della spesa mensile.
  • Tariffa a consumo: chi non prevede di passare molte ore al PC o al telefono preferirà un piano a consumo. La spesa in questo caso sarà più contenuta e commisurata sull’effettivo utilizzo del servizio.

Ad ogni modo, sono sempre meno gli operatori ad offrire tariffe a consumo, rendendo più conveniente anche per chi usa poco la linea ADSL approfittarre dei pacchetti con Internet e chiamate inclusi. Una tariffa a consumo, infatti, può arrivare a costare anche 2 euro l’ora. Connettendosi solamente 2 ore a settimana, il costo per un mese sarebbe addirittura di 16 euro, per di più con una velocità di navigazione decisamente inferiore rispetto ad una normale tariffa ADSL flat. Se a ciò si aggiungono i costi delle chiamate e gli eventuali servizi accessori, appare evidente come sforare la spesa di 25 euro al mese sia molto semplice. Grazie alle promozioni online, è possibile invece beneficiare di pacchetti con ADSL e chiamate incluse a partire da 20 euro.

Individua le tue abitudini di consumo

I vari operatori applicano tariffe differenti in base alla velocità massima di navigazione scelta. Saper riconoscere le tue abitudini di navigazione ti aiuterà a capire le tue reali esigenze e la velocità di connessione di cui hai davvero bisogno.

Cose da sapere sulla velocità ADSL

Velocità di upload e download

La velocità dell’ADSL si misura in Mbit/s e si distingue in velocità di download e velocità di upload: la prima determina la velocità di ricezione dati da internet, mentre seconda indica la celerità di trasmissione dati verso internet. La velocità indicata dagli operatori in riferimento alle proprie offerte è quella di download, in genere più veloce di quella di upload.

Velocità nominale ed effettiva

La velocità nominale è il valore promesso dagli operatori nelle offerte, e corrisponde alla velocità massima che la connessione può raggiungere; di contro, la velocità effettiva è quella effettivamente fornita ai clienti al momento dell’erogazione del servizio. Spesso i valori dichiarati nelle offerte, come 7 Mega o 20 Mega, non corrispondono alle performance effettive, creando una grossa discrepanza tra la velocità nominale dell’offerta acquistata e quella effettiva.

Banda minima garantita

Su esplicita richiesta dell’AGCOM, le compagnie devono dichiarare nel contratto la banda minima garantita: se questa non viene rispettata, il cliente finale può richiedere il recesso anticipato dal contratto senza penali. In tal senso, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha messo a disposizione degli utenti, nell’ambito del progetto MisuraInternet, un apposito speed test che certifica la velocità e la qualità delle connessioni.

Verifica la copertura nella tua zona

Prima di scegliere un operatore ed un’offerta ADSL, verifica la tipologia di copertura della tua zona per evitare brutte sorprese in seguito: dalle velocità inadeguate ai costi aggiuntivi, applicati in caso di noleggio della linea telefonica dal fornitore dell’accesso all’operatore telefonico (WLR). Attraverso appositi strumenti di verifica, messi a disposizione degli operatori in fase di sottoscrizione del contratto, oggi possiamo sapere con certezza se la nostra casa o l’azienda è raggiunta dalla fibra ottica o dall’ADSL e con quali velocità per download ed upload. Anche per internet mobile, le compagnie mettono a disposizione dell’utente informazioni sulla copertura del territorio.

Confronta le offerte

Una volta delineate le proprie abitudini di consumo, il modo migliore per individuare l’offerta ADSL o internet mobile più conveniente per le proprie esigenze è quello di confrontare le offerte degli operatori del mercato. Con l’aiuto di un comparatore, in pochi minuti è possibile trovare l’offerta migliore tra le decine di proposte presenti sul mercato.

Verifica tutti i costi

Nel costo mensile indicato nelle offerte, salvo dove espressamente indicato, non sono incluse alcune spese aggiuntive, come:

  • I costi di attivazione in caso di nuova linea o di passaggio ad altro operatore
  • I costi di disattivazione per l’operatore cedente
  • I servizi accessori
  • Il noleggio del modem

Vediamo alcune voci nel dettaglio. Per quanto riguarda i costi di attivazione, la maggior parte degli operatori propongono delle promozioni a costo zero. Quando, invece, si richiede un pagamento, esso può essere una tantum (tra i 50 e i 149 euro) o, più frequentemente, dilazionato mensilmente (4 euro al mese in media).
Ben più elevati sono i costi di disattivazione. Ogni operatore applica un costo differente, che va da 26 fino a 129 euro in alcuni casi particolari. Quando si valuta un cambio di operatore, quindi, è buona norma tenere in considerazione queste spese e valutare in anticipo in quanto tempo, pur con una tariffa migliore di quella in uso, si potrà ammortizzare il costo. Risparmiando 5 euro al mese, ma con un costo di disdetta di 60 euro, saranno necessari 12 mesi per iniziare a vedere gli effettivi benefici del cambio di operatore ADSL.
Per quanto riguarda i servizi accessori, invece, sempre più operatori offrono molteplici servizi con un unico canone, come la telefonia mobile o la Pay TV, con un risparmio che può arrivare fino al 40% circa sul canone mensile complessivo, rispetto alla sottoscrizione separata di diversi abbonamenti.
Quanto al modem, il costo è assai variabile. Spesso gli operatori lo includono nel pacchetto a costo zero, mentre altre volte prevedono un pagamento mensile (solitamente opzionale) molto contenuto, di circa 3,90 euro al mese. Per evitare questa spesa mensile, è possibile acquistare separatamente il modem, approfittando delle migliori offerte, anche a meno di 30 euro.

Promozioni: verifica condizioni e durata

Al momento della scelta di un’offerta è bene prendere in considerazione tutti i dettagli prima di lasciarsi tentare da condizioni apparentemente imperdibili. Le offerte iniziali sono spesso frutto di sconti applicati per sei mesi o un anno che, in caso di recesso prima degli obblighi contrattuali, vengono recuperati dalle compagnie diventando una sorta di penali. Allo stesso modo, le offerte convergenti fisso-mobile decadono nel momento in cui si chiude una delle due componenti.

Approfitta delle promozioni a prezzo bloccato per essere certo di quanto pagherai e leggi attentamente le condizioni contrattuali per non trovarti di fronte a spiacevoli sorprese. Un’offerta promozionale può arrivare a costare anche 15 euro in più al termine del periodo di sconto, quindi bisogna tenerne conto e optare, magari, per un pacchetto con un prezzo leggermente più alto ma bloccato nel corso del tempo.

Hai la Partita IVA? Consulta le offerte dedicate

I clienti residenziali e i possessori di Partita IVA sono due tipologie di clienti molto diversi e le compagnie telefoniche lo sanno bene. Per questo motivo, i liberi professionisti e le aziende possono usufruire di offerte con servizi e costi specifici per le attività, più vantaggiose per la loro tipologia di consumi.

Le offerte dedicate al mondo delle Partita IVA possono comprendere, oltre al pacchetto internet e chiamate, dei servizi dedicati come linea telefonica con più interni, caselle di posta elettronica, centralino, sim per smartphone. Cambiando tariffa, e scegliendo la soluzione più adatta alle tue esigenze, puoi risparmiare fino al 30% sulle tue attuali bollette ADSL.

Ricorda, inoltre, che se sei un cliente con Partita IVA puoi dedurre dalle imposte fino al 100% dei costi di telefonia fissa e mobile in caso di esclusivo utilizzo per motivi professionali/aziendali. Le norme sulla detraibilità dell’IVA sono applicate dal 1 gennaio 2008. Per avere informazioni più dettagliate puoi consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate o il tuo commercialista.

fonte facile.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Inline
Inline